ANASTE Emilia-Romagna celebra il 2 ottobre l’impegno e il coraggio degli Operatori in prima linea in questa emergenza sanitaria istituendo la 1^ Festa dell’Operatore di RSA e di CASA di RIPOSO.

L’iniziativa si terrà in tutte le strutture associate sabato 2 ottobre 2021 e prevede la consegna di un attestato di merito agli operatori, per la professionalità e l’altruismo dimostrati.

Festa dei nonni 2 ottobre ANASTE Emilia Romagna

Per ringraziare e valorizzare i sanitari che hanno lavorato in prima linea durante tutte le fasi della pandemia all’interno delle strutture, ANASTE, a livello nazionale, ha deciso di dedicare a tutti gli operatori la giornata del 2 ottobre.

Anche ANASTE Emilia-Romagna sostiene la campagna nazionale e invita le strutture a celebrare gli Operatori di RSA e di CASA di RIPOSO, consegnando a ciascuno un Attestato di Merito, un gesto simbolico per dimostrare gratitudine e apprezzamento verso il loro operato.

Messi a dura prova dall’emergenza, soprattutto nelle fasi più critiche del virus, medici, infermieri, operatori e tutti gli ausiliari – nessuno escluso – hanno dimostrato professionalità, dedizione, coraggio e altruismo, mettendo al centro la cura e l’assistenza della persona fragile.

 

“Con convinzione aderiamo alla festa degli operatori di RSA promossa dall’ANASTE nazionale” – dichiara il dott. Gianluigi Pirazzoli presidente ANASTE ER. “Un attestato di merito a tutti i medici, infermieri, OSS, ausiliari che hanno lavorato con passione, sacrificio e umanità all’interno delle strutture durante la pandemia e che tutt’oggi, sono impegnati in una graduale ripresa per una nuova normalità. Il 2 ottobre pertanto celebra principalmente l’anziano, con le sue fragilità ma anche la sua forza di vivere, e da quest’anno anche tutti gli operatori della cura. Auspico una grande adesione anche da parte delle singole strutture” – conclude Pirazzoli.

 

Alcune delle nostre associate hanno condiviso le foto relative al momento della consegna degli attestati di merito.

La galleria verrà aggiornata con l’arrivo delle foto-testimonianze da parte di altre strutture.